Startseite | Gemeinsame Startseite | Publizieren! | Feature Archiv | Newswire Archiv | Trasharchiv


Über Indymedia.ch/de
Indymedia-Café
Editorial Policy / Moderationskriterien
Über Sprache sprechen - Sexismus in der Sprache
Wie kann ich auf Indymedia.ch publizieren / Allgemeines zu Medienaktivismus
Kontakt
Wiki
Mailingliste
Medienaktivismus
Gedanken zu Provos & Fakes
Links









 
www.indymedia.org

Projekte
print
radio
satellite tv
video

Afrika
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
kenya
nigeria
south africa

Kanada
london, ontario
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor

Ostasien
burma
jakarta
japan
korea
manila
qc
saint-petersburg

Europa
abruzzo
alacant
andorra
antwerpen
armenia
athens
österreich
barcelona
belarus
belgium
belgrade
bristol
brussels
bulgaria
kalabrien
croatia
cyprus
emilia-romagna
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
deutschland
grenoble
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
liguria
lille
linksunten
lombardia
london
madrid
malta
marseille
nantes
napoli
netherlands
nice
northern england
norway
nottingham
oost-vlaanderen
paris/île-de-france
patras
piemonte
poland
portugal
roma
romania
russia
sardinien
schottland
sverige
switzerland
thorn
toscana
toulouse
ukraine
großbritannien
valencia

Lateinamerika
argentina
bolivia
chiapas
chile
chile sur
brasilien
sucre
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
santiago
tijuana
uruguay
valparaiso
venezuela

Ozeanien
aotearoa
brisbane
burma
darwin
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

Südasien
india
mumbai

Vereinigte Staaten
arizona
arkansas
asheville
atlanta
austin
austin
baltimore
big muddy
binghamton
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
columbus
dc
hawaii
houston
hudson mohawk
kansas city
la
madison
maine
miami
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
saint louis
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa barbara
santa cruz, ca
sarasota
seattle
tampa bay
tennessee
united states
urbana-champaign
vermont
western mass
worcester

Westasien
armenia
beirut
israel
palestine

Themen
biotech

Intern
fbi/legal updates
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
 
 :: Primo maggio a Bellinzona ::
02-05-2003 12:13
AutorIn : naligior : http://
regione 1 Rassegna stampa della manifestazione a Bellinzona di ieri (nessuno che posta un resoconto e qualche foto?)
regione 1
regione 1
regione 2
regione 2
cdt
cdt
>>> CORRIERE DEL TICINO

FESTA DEL LAVORO IN PIAZZA A BELLINZONA 1.500 PERSONE, A LUGANO L’OCST NE HA INVECE RADUNATE 200

Un Primo maggio per più giustizia
In Piazza Governo critiche agli sgravi, ai licenziamenti e alla guerra
Andrea Colandrea

Numerosi gli striscioni dei lavoratori in favore dell’occupazione che hanno caratterizzato il corteo organizzato dall’FLMO e dal Sindacato della comunicazione in collaborazione con l’USS, partito nel primo pomeriggio da viale Stazione alla volta di Palazzo delle Orsoline
■ Un no compatto all’insicurezza sociale che è andata aumentando negli ultimi anni in conseguenza del diffondersi delle politiche neoliberiste e, segnatamente, quale effetto di sempre più azzardate privatizzazioni aziendali da cui è stato duramente colpito anche il Ticino, il quale, negli ultimi anni, ha dovuto farsi carico di parecchi tagli di posti di lavoro, in particolare in seno alle ex regie federali, « in primis » Posta e Swisscom. Questa la chiave di lettura che ha caratterizzato la manifestazione del Primo maggio 2003, alla quale, ieri a Bellinzona, hanno preso parte circa 1.500 persone scese in piazza su invito dell’Unione sindacale svizzera Ticino e Moesa e delle sue federazioni, con in prima fila l’FLMO e il Sindacato della Comunicazione. Il corteo, partito poco prima delle 15.00 da Viale Stazione – con in testa i principali politici della Sinistra cantonale e dei sindacati – è successivamente sfilato sulle strade cittadine raggruppandosi, sotto un cielo terso e soleggiato, in piazza Governo, dove i manifestanti – con bandiere e striscioni – hanno rivendicato il diritto al lavoro e ad una maggiore sicurezza ribadendo il loro no alla guerra. Di fronte ai numerosi convenuti, tra i quali anche diversi rappresentanti della comunità curda e assiro- siriaca, ha per primo preso la parola il presidente dell’USS- Ticino e Moesa Werner Carobbio. Quest’ultimo, per cominciare, ha individuato nel Primo maggio « un’occasione politicamente importante per denunciare la politica del massimo profitto » in favore di « soluzioni alternative a quelle propugnate dal padronato e dalle forze di centro destra » . Non mancando di denunciare « gli scandalosi » compensi milionari e i bonus ottenuti da più di un manager nei settori bancario, assicurativo e chimico in un momento nel quale, invece, i licenziamenti del personale sono sempre più frequenti, Carobbio ha altresì a ricordare l’importanza della ripartizione più equa dell’occupazione tramite la riduzione dell’orario di lavoro. Frecciate, sul piano cantonale, sono state poi indirizzate alla politica di sgravi fiscali del Governo con gravi effetti sulle risorse pubbliche, mentre lo stesso presidente dell’USS Ticino e Moesa ha pure denunciato i recenti episodi che hanno coinvolto politici e funzionari. « Si tratta di segnali politici preoccupanti – ha rimarcato – contro i quali occorrereagire».« Incomprensibili » , in questo ambito, sarebbero « gli atteggiamenti mostrati dai presidenti di PLRT e PPD secondo i quali occorre rispettare la volontà popolare e non prendere misure legislative per impedire l’accesso a cariche pubbliche di chi si è macchiato di reati gravi » .
Sono poi intervenuti anche Manolo Pellegrini, del Comitato ticinese contro la guerra – che ha puntato il dito contro gli enormi interessi economici che si celano dietro i conflitti bellici come quello appena terminato in Iraq – e il segretario del Sindacato della comunicazione Angelo Zanetti. Proprio Zanetti, a più riprese, durante il corteo e, successivamente, in piazza Governo, ha sollecitato ripetutamente il licenziamento del direttore della Posta Ulrich Gygi, responsabile principale del progetto Rema, che presumibilmente costerà il posto di lavoro a nuove 3.000 persone. Rolando Lepori, segretario cantonale del sindacato FLMO, infine, ha rimarcato che « se l’economia è capace di accettare storture quali le paghe milionarie per manager senza scrupoli, un salario minimo di 4.000 franchi per i lavoratori è da ritenere una rivendicazione più che giusta, mentre il pensionamento dovrebbe essere ottenibile al più tardi a 60 anni » . L’OCST, che ha scelto di non partecipare al corteo, si è invece riunito in mattinata a Lugano focalizzando il tema della previdenza professionale. Dall’incontro, cui hanno partecipato circa duecento persone, è emersa chiara l’esigenza di una maggiore trasparenza nella gestione dei capitali del secondo pilastro, per il quale l’OCST chiede l’estensione anche alle fasce lavorative oggi escluse.

>>> LA REGIONE:

‘ Stop alle privatizzazioni’
Il 1 ° maggio in Ticino. A Bellinzona l’Uss ritorna sulla questione morale
Riflessione e mobilitazione, due differenti modi per porre la propria attenzione sui temi del lavoro nella giornata del primo maggio. Se la prima strada è stata quella scelta dell’Ocst con un incontro dibattito, presso la propria sede di Lugano, sul tema della previdenza sociale, la seconda scendeva lungo il viale della Stazione di Bellinzona ed è stata percorsa dal corteo del triplice No organizzato dall’Unione sindacale svizzera ( Uss).
Sul tema No alla guerra, no ai licenziamenti, No alle privatizzazioni, insieme per più giustizia, circa 1’ 500 manifestanti riuniti sotto le bandiere delle varie federazioni sindacali, hanno sfilato fino a piazza Governo. Qui Werner Carobbio, presidente dell’Uss- Ticino e Moesa, nel suo discorso ufficiale ha sottolineato come questa del primo maggio « debba essere anche l’occasione per indicare al paese che esistono in Svizzera e in Ticino soluzioni alternative alle politiche di privatizzazione di servizi pubblici efficenti, di smantellamento sociale in settori essenziali come quelli delle pensioni, dell’assicurazione malattia » . In cauda venenum, nella conclusione del suo intervento gli affondi più duri, con un attacco « alla politica insensata degli sgravi fiscali, che porterà nel prossimo quadriennio a tagli nella spesa sociale e nell’occupazione pubblica » e ai presidenti del Plrt e del Ppd che « incomprensibilmente affermano che in materia di pulizia politica occorre rispettare la volontà popolare e non prendere misure legislative per impedire l’accesso a cariche pubbliche a chi si è macchiato di reati gravi » .
Sono poi intervenuti Manolo Pellegrini del Comitato ticinese contro la guerra, Rolando Lepori segretario della Flmo e Angelo Zanetti segretario del Sindacato della comunicazione con la loro analisi dei temi della giornata.
L’Ocst sul tema pensioni
Giornata che si era aperta a Lugano con l’incontro organizzato dall’Ocst, cui hanno partecipato circa 200 persone.
Tema della riflessione una previdenza sociale che nei fatti si è dimostrata poco previdente restando implicata nel crollo dei mercati borsistici.
Per evitare che in futuro simili scenari possano ripetersi, l’Ocst chiede che venga assicurata un’adeguata trasparenza nella gestione dei capitali e che gli organi preposti al controllo « vigilino e non osservino, come accaduto troppo spesso in passato » .
Se Fausto Leidi ha spiegato dettagliatamente ai presenti il funzionamento del secondo pilastro, il segretario cantonale, nonché consigliere nazionale Meinrado Robbiani ha presentato lo stato attuale dei lavori in Parlamento per la revisione della Lpp, con i nodi che ancora restano, quali la compensazione del tasso di conversione e la questione dell’allargamento del secondo pilastro a chi lavora a tempo parziale o percepisce bassi salari.
 :: 1 Inhaltliche Ergänzung : > Ergänze diesen Artikel (.onion )
  che professionisti i "giornalisti" ticinesi..
02.05.2003 22:21  
Non c'é che dire....gli unici che hanno fatto qualcosa, invece del solito bla bla pallosissimo e retorico, sono stati i 150 della termica a Lugano. Sulla stampa ufficiale? solo la solita merda....


AutorIn: -.-
GNU Free Documentation License 1.2 Sämtlicher Inhalt auf Indymedia Deutschschweiz ist verfügbar unter der Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Germany.
Für sämtlichen Inhalt der jeweiligen Beiträge unter Indymedia Schweiz und Indymedia Deutschschweiz sind nur die jeweiligen AutorInnen verantwortlich!
Indymedia Schweiz läuft mit MIR 1.1
Use GNU!