Startseite | Gemeinsame Startseite | Publizieren! | Feature Archiv | Newswire Archiv | Trasharchiv


Über Indymedia.ch/de
Indymedia-Café
Editorial Policy / Moderationskriterien
Über Sprache sprechen - Sexismus in der Sprache
Wie kann ich auf Indymedia.ch publizieren / Allgemeines zu Medienaktivismus
Kontakt
Wiki
Mailingliste
Medienaktivismus
Gedanken zu Provos & Fakes
Links









 
www.indymedia.org

Projekte
print
radio
satellite tv
video

Afrika
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
kenya
nigeria
south africa

Kanada
london, ontario
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor

Ostasien
burma
jakarta
japan
korea
manila
qc
saint-petersburg

Europa
abruzzo
alacant
andorra
antwerpen
armenia
athens
österreich
barcelona
belarus
belgium
belgrade
bristol
brussels
bulgaria
kalabrien
croatia
cyprus
emilia-romagna
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
deutschland
grenoble
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
liguria
lille
linksunten
lombardia
london
madrid
malta
marseille
nantes
napoli
netherlands
nice
northern england
norway
nottingham
oost-vlaanderen
paris/île-de-france
patras
piemonte
poland
portugal
roma
romania
russia
sardinien
schottland
sverige
switzerland
thorn
toscana
toulouse
ukraine
großbritannien
valencia

Lateinamerika
argentina
bolivia
chiapas
chile
chile sur
brasilien
sucre
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
santiago
tijuana
uruguay
valparaiso
venezuela

Ozeanien
aotearoa
brisbane
burma
darwin
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

Südasien
india
mumbai

Vereinigte Staaten
arizona
arkansas
asheville
atlanta
austin
austin
baltimore
big muddy
binghamton
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
columbus
dc
hawaii
houston
hudson mohawk
kansas city
la
madison
maine
miami
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
saint louis
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa barbara
santa cruz, ca
sarasota
seattle
tampa bay
tennessee
united states
urbana-champaign
vermont
western mass
worcester

Westasien
armenia
beirut
israel
palestine

Themen
biotech

Intern
fbi/legal updates
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
 
 :: Il futuro di Internet nel controllo della rete ::
 Themen | Medien/Netzaktivismus | Repression/Knast 20-07-2005 17:43
AutorIn : controllo
A capo del Gruppo di lavoro sulla regolamentazione di Internet, Markus Kummer ritiene che si siano fatti dei passi avanti nel dibattito sulla gestione della Rete.

A quattro mesi dal vertice sull'informazione di Tunisi, il diplomatico svizzero spiega a swissinfo i termini di questi timidi progressi.

Il futuro di Internet nel controllo della rete
Presentando lunedì a Ginevra i risultati del Gruppo di lavoro dell'ONU sulla regolamentazione di Internet (WGIG), Markus Kummer ha ammesso che non è stato possibile giungere ad un consenso sul futuro controllo di Internet.

Un punto però è chiaro: l'organismo delle Nazioni Unite è arrivato alla conclusione che la regolamentazione del Web non dovrebbe dipendere da un solo paese.

Attualmente, questo controllo è esercitato essenzialmente dall'ICANN (Internet corporation for assigned names and numbers). Questo organismo gestisce tra le altre cose i nomi di dominio, gli indirizzi IP e il sistema dei «server radice», il cuore di Internet.

Basato in California, l'ICANN è riconosciuto e finanziato dal governo americano. Ora, due settimane fa Washington ha riaffermato la sua volontà di non rinunciare a questa prerogativa, considerata da alcune voci critiche come un controllo di fatto dell'organismo da parte del governo degli USA.

Nel suo rapporto il WGIG ha formulato quattro opzioni, lasciando ai leader mondiali che si riuniranno a novembre a Tunisi, per la seconda fase del Vertice mondiale sulla società dell'informazione, il compito di decidere quale strada imboccare.

Le proposte vanno da un mantenimento dello status quo fino alla creazione di nuove agenzie di controllo sotto gli auspici dell'ONU.

swissinfo: Un anno fa lei ha detto che sarebbe stato troppo ottimistico aspettarsi delle «proposte radicali» da parte del WGIG. È contento dei risultati raggiunti?

Markus Kummel: Prima di tutto sono soddisfatto che siamo riusciti a realizzare un rapporto che gode del sostegno di tutti i membri. Ci siamo accorti molto presto che le divergenze erano tali da rendere irrealistica l'ipotesi di presentare un solo modello per la futura architettura di Internet.

swissinfo: Quali sono stati gli ostacoli maggiori alla elaborazione di un modello unico sostenuto da tutti?

M.K.: Il gruppo di lavoro comprende 40 membri con stili di vita, professioni e appartenenze regionali assai diverse. Tutte le diverse opinioni presenti nel mondo economico e nella comunità di Internet sono rappresentate. Non essere giunti ad un modello unico è la conseguenza naturale di questa situazione.

Tuttavia buona parte del rapporto riflette un consenso di fondo. Abbiamo identificato un ampio spettro di problemi che dovrebbero essere affrontati prioritariamente dalla comunità internazionale. Si tratta di questioni relative all'uso e abuso di Internet, quali la cyber-criminalità, gli spam, la protezione dei dati e dei consumatori, la libertà di espressione.

Abbiamo anche messo in rilievo l'assenza di forum globali in cui tutti i paesi e tutte le persone interessate a Internet abbiano la possibilità di discutere questioni relative alla gestione della Rete.

swissinfo: Il rapporto promuove un approccio globale alla regolamentazione di Internet. Qualcuno lo potrebbe interpretare come un attacco agli Stati Uniti e all'ICANN.

M.K.: Se legge le varie opzioni da noi proposte, vedrà che nessuna dice che l'ICANN dovrebbe essere sostituito da qualcosa di nuovo. Si tratta piuttosto del radicamento istituzionale dell'ICANN, delle sue basi costituzionali e dei suoi rapporti con i governi.

Il gruppo di lavoro si è basato soprattutto sui risultati della prima fase del vertice mondiale sulla società dell'informazione, in cui si è deciso che Internet deve essere multilaterale, trasparente e democratico.

swissinfo: Ci sono speranze che a Tunisi si raggiunga un accordo su una delle vostre quattro proposte?

M.K.: È molto difficile rispondere a questa domanda. I modelli devono essere considerati dei punti di partenza e non è detto che alla fine della discussione ci si accordi su uno di essi.

Pur avendo partecipato alla stesura del rapporto, non sarei infelice se nessuno di questi modelli fosse adottato. L'importante è che il nostro lavoro faciliti i negoziati e i risultati del vertice di Tunisi.

Intervista swissinfo: Adam Beaumont, Ginevra
(traduzione: Andrea Tognina)

 :: Keine Ergänzungen Ergänze diesen Artikel
GNU Free Documentation License 1.2 Sämtlicher Inhalt auf Indymedia Deutschschweiz ist verfügbar unter der Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Germany.
Für sämtlichen Inhalt der jeweiligen Beiträge unter Indymedia Schweiz und Indymedia Deutschschweiz sind nur die jeweiligen AutorInnen verantwortlich!
Indymedia Schweiz läuft mit MIR 1.1
Use GNU!