Grecia dichirazione del EEK Εργατικό Επαναστατικό Κόμμα
  20-02-2012 21:06
Auteur : EEK (Partito Rivoluzionario dei Lavoratori)
 
 
  Dichiarazione del Comitato Centrale
del Partito Rivoluzionario dei Lavoratori (EEK-Grecia) (20 Febbraio 2012)

Εργατικό Επαναστατικό Κόμμα
www.eek.gr
 
     
 
Il popolo ha fatto ascoltare la sua voce nelle strade in modo molto chiaro. Non siamo d’accordo con niente di quanto è stato proposto! No ai compromessi e all’appoggio alle proposte! Servi della UE, del FMI e del capitale, prendete i vostri memorandum e andatevene! Tutto il potere ai lavoratori!

Il 12 di febbraio 199 membri del parlamento, un pugno di politici del Pasok e la destra, insieme con due membri fascisti del parlamento, hanno votato ancora una volta “sì” a tutto il corpo di decreti-capestro e agli aumenti imposti dagli usurai internazionali, il FMI e la UE, e dal grande capitale locale, rappresentato dal governo di Papademos.

Al tempo stesso, opponendosi a questi 199 servi, un milione di persone hanno inondato la piazza Syntagma e le strade adiacenti nel centro di Atene, così come altre piazze e strade in tutta la Grecia, marciando contro il memorandum che esprime un cannibalismo sociale. Con i lavoratori e i giovani all’avanguardia, il popolo si è riunito mobilitando tutti i settori sociali popolari, tutte le età, uniti per una lotta comune.

Il governo di Papademos, spaventato dal potenziale di una mobilitazione di massa di questa portata, lanciò un assalto pianificato alle masse, utilizzando la volenza poliziesca e l’arsenale chimico fin dall’inizio della riunione di massa a Syntagma alle 17,15. Né i colpi sferrati dalla brutale polizia antisommossa e dallo squadrone di motociclisti, , né le centinaia di feriti né gli arresti di dozzine di persone fermarono le masse ribelli, che si raggrupparono e tornarono al campo di battaglia più e più volte. Un popolo che è stato trasformato in una nazione di nullatenenti non ha nulla da temere. Il terrorismo di stato non lo può più terrorizzare.

La disperazione sociale è diventata incontrollabile. Il fuoco che arde dentro la società è molto più intenso di tutti i fuochi che incendiano le banche e i negozi. Come sempre, la retroguardia sociale “corretta e prudente” e i leader del KKE (pc greco) e di Syriza ripetono per abitudine dure parole contro i “provocatori” e “teppisti”. Questo non significa che la polizia (per ordine di Papoutsis e Papademos) non invii informatori parapolizieschi a creare un’atmosfera intimidatoria nello sforzo di spaventare la masse, naturalmente questa è una cosa che le masse devono tenere in conto per difendersi. Quelli che, letteralmente, hanno convertito in cenere la vita di milioni di persone sono i veri provocatori, la UE, il FMI e gli sgherri nel parlamento e nel governo che si sono presi gioco della gente e hanno distrutto salari, pensioni, lavoro, ospedali, scuole, alla gioventù e agli anziani. Il 12 febbraio resuscitò la sollevazione e le rivolte del dicembre 2008 e terrorizzò i capitalisti locali e stranieri, sollevando davanti ai loro occhi il fantasma della rivoluzione sociale. Lo stesso sistema politico borghese, gravemente ferito e in bancarotta, ha sofferto questa volta un colpo ancora più forte grazie alla pressione di una mobilitazione di massa senza precedenti, che ha affrontato i tre leader dei partiti – Papandreu, Samaras e Karatzaferis, costringendoli a dimissioni ed espulsioni, anche di alcuni dei loro sostenitori più stretti. Sono più deboli ora di quanto lo siano mai stati.

Però non dobbiamo fermarci a quello che è stato, adesso è cruciale ciò che faremo il giorno dopo. Non dobbiamo permettere che i burocrati e coloro che trattano i lavoratori con condiscendenza continuino a rallentare o boicottare le mobilitazioni future. Le elezioni non porteranno la soluzione, la soluzione risiede nella organizzazione immediata e nella conduzione vittoriosa di uno sciopero generale politico a oltranza che durerà fino alla caduta del governo di Papademos e dei suoi potenziali successori, per rimuovere gli ostacoli che impediscono ai lavoratori di prendere nelle proprie mani il potere e il controllo delle proprie vite .

I lavoratori e i disoccupati non staranno seduti ad aspettare di essere massacrati dal nuovo memorandum. Già gli hanno succhiato il sangue per troppo tempo! I capitalisti devono pagare la bancarotta del loro sistema! No alle riduzioni di salario, pensioni, e posti di lavoro, il recupero del potere di acquisto deve avvenire solo attraverso aumenti cospicui. Immediata cancellazione unilaterale del debito! Nazionalizzazione delle banche e di tutti i servizi pubblici e controllo diretto dei lavoratori di tutte le industrie e imprese che chiudono o licenziano i lavoratori, senza indennizzo per i capitalisti!

Insieme dobbiamo espellere la troika, la UE e il FMI dal nostro paese e chiedere l’appoggio di tutti i popoli che già sono stati messi in ginocchio da queste stesse politiche: i lavoratori portoghesi, 300000 dei quali marciarono l’11 febbraio; i lavoratori spagnoli che hanno proclamato uno sciopero generale per il 17 febbraio e che stanno scendendo in strada; i lavoratori italiani, i lavoratori di tutta Europa. Per evitare le conseguenze del Memorandum finanziario che impone Bruxelles e dei decreti che propongono Berlino e Schauble, dobbiamo lottare per la scomparsa e la dissoluzione della UE imperialista, dobbiamo lottare per gli stati uniti socialisti d’Europa!

Partito Rivoluzionario dei Lavoratori (EEK-Grecia)
 
     
   
  > Ajouter un commentaire  
   
> Ajouter une traduction à cet article
> Télécharger l'article au format .PDF
> Envoyer cet article par e-mail
 
Prends l'information en mains
Text Kalifat und Barbarei (erster Teil)
24-05-2016 21:55 - Kommunisierung.net
Image nationalflaggen aus schrebergarten entfernt
24-05-2016 03:23 - antifa sch(t)rebergarten
1 commentaire
Image 21.05: March against Monsanto und Syngenta - 14.00, Basel, Barfüsserplatz
21-05-2016 00:05 - MultiWatch
1 commentaire
Text || Programm im Haus Ronja geht weiter ||
20-05-2016 09:04 - Ronja raubt Räume
Image Russland: Tage der Gefangenensolidarität 1.-10. Juli 2016
17-05-2016 23:25 - Autonomous Action
Text Arbeitskämpfe gegen das neue Arbeitsrecht in Frankreich
17-05-2016 23:05 - ((i))
Image Bam, Bam… brûle!
16-05-2016 18:10 - -BAM-
Text Il y a une différence entre vivre et survivre…
15-05-2016 21:12 - trad
Image Connexion https sur switzerland.indymedia.org ?
15-05-2016 11:59 - Crypto-maniak
Text Simplexité de simplexification
15-05-2016 08:12 - Patrice Faubert
1 commentaire
Text 15.05.: Nuit Debout - 18.00, Zürich, Bürkliplatz
15-05-2016 00:05 - Y. Varoufakis
6 commentaires
Text « Affaire Charlie » : un bond de géant pour le capitalisme
14-05-2016 22:00 - petit pas et bond de géant
5 commentaires
Image Vegana am Kalanda-Platz ein voller Erfolg
14-05-2016 21:33 - tierrechtsveganer
Text Polizei schiesst in Ossingen auf unbewaffneten Mann
14-05-2016 17:46 - AutorIn des Beitrags
Image Aus aktuellem Anlass: Anpassung der Moderationspolitik auf Indymedia Schweiz
14-05-2016 16:27 - some indy
Text L’affreux Siné est mort
14-05-2016 12:52 - Mathias Reymond
Image Mehr Chancen für Obdachlose - Interview mit Max Bryan
14-05-2016 10:52 - Verena Langhans
Text Caritas alarmiert: Kaum Sozialhilfe für EU-Ausländer - Recht
14-05-2016 10:37 - Verena Langhans
Text Paraphysique de la guerre
14-05-2016 07:57 - Patrice Faubert
Image Palestine, l’horreur au quotidien. Notre silence les tue !
13-05-2016 23:38 - François-Xavier Gilles
Image Nuit debout à Zürich
13-05-2016 07:02 - oh làlà
3 commentaires
Text La caisse de grève, outil de lutte offensive contre le capit
13-05-2016 00:18 - zelmire
13 commentaires
Text Auto-stop
12-05-2016 07:53 - Patrice Faubert
1 commentaire
Text Montevideo (Uruguay) : Le lit des journalistes
11-05-2016 23:51 - Des Anarchistes
Text Oui à l’accueil inconditionnel des migrant-es ! Non à leur d
11-05-2016 20:39 - no border
1 commentaire
Text L’Islam et l’apostasie
11-05-2016 20:32 - Waleed Al- Husseini
10 commentaires
Generic Broschüre: Zur Technik des Hinterhaltes
11-05-2016 14:56 - Kanada
Text 49-3
11-05-2016 05:40 - Patrice Faubert
1 commentaire
Text Syndicalistes répugnants....
11-05-2016 02:33 - Documentaliste.
Image Broschüre: Solidarische Netzwerke - Ein Leitfaden
11-05-2016 01:43 - Zweiter Mai
Image Briefe schreiben am 15.05.2016 in Bern
10-05-2016 22:15 - Die Kratzdistel
Text L'anarchie outrepassée
10-05-2016 06:07 - Patrice Faubert
1 commentaire
Text Programm der FLTI*-Besetzung Ronja
09-05-2016 22:44 - Kollektiv Ronja
Text MOBI-VIDEO zur Demo "Smash Little WEF 2016" in St.Gallen
09-05-2016 17:37 - Barrio Antika
1 commentaire
Text femme sans voile « ne doit pas s’étonner que des hommes abus
09-05-2016 02:23 - Waleed Al- Husseini
25 commentaires
Text Religions : je persiste et signe
09-05-2016 00:26 - Michel Warschawski
10 commentaires
Text Iceberg, voile et jambon: à propos d’un éditorial de Charlie
09-05-2016 00:23 - Pierre Marrisal
10 commentaires
Text Avis de naissance...ON BLOQUE TOUT
09-05-2016 00:01 - Documentaliste
3 commentaires
Text Antireptreffen zur Anti-WEF Demo in Zug
08-05-2016 12:09 - Rote Hilfe Schweiz
5 commentaires
Text Erklärung vom 1. November 2010
08-05-2016 11:05 - Verschwörung der Feuerzellen
3 commentaires
Text Paraphysique du capharnaüm étatiste
08-05-2016 07:35 - Patrice Faubert
Text L'Islam politique contre les femmes et la laïcité
07-05-2016 23:19 - Réseau mondialiste révolutionnaire
6 commentaires
Text Du confusionnisme politique et de l’islamo-gauchisme
07-05-2016 22:42 - Bernard Gilles
7 commentaires
Text Misère du néologisme, néologisme de la misère
07-05-2016 21:43 - Juan Pueblo - CNT AIT
13 commentaires
Image Bern: Fundamental-christlicher Tanzanlass gestört
07-05-2016 16:10 - Bündnis gegen fundamentale ChristInnen
Image 18. Mai 2016: Caravan against the camp system Ktn. Zürich
07-05-2016 15:49 - caravan
Image Bern: Freispruch für die "üblichen (Demo-)Verdächtigen"
07-05-2016 11:54 - Antirepressiva
Image Festival Transfemministaqueer 11-12 giugno a Milano
07-05-2016 11:00 - TFQ
Text Libertaires contre l’islamophobie - Tract du 17 avril
07-05-2016 09:13 - L'islamophobie n'est pas une opinion
19 commentaires
Image Warum wir die SBB angreifen
06-05-2016 13:12 - StopDeportationsNow
>> Archives newswire <<