Tema/i | Archivo press | repressione : Carceri svizzere sovraffollate: detenuti in crescita
  20-02-2006 13:36
Autore : odioilcarcere
 
 
  3771 in esecuzione di pene (esecuzione anticipata compresa), 1877 in detenzione preventiva, 368 in attesa di espulsione, respingimento o estradizione e 95 detenuti per altri motivi (arresti di polizia, privazione della libertà a titolo preventivo). Stabile nel corso degli ultimi cinque anni la percentuale delle donne incarcerate, che rappresentano il 5 per cento della popolazione carceraria. Il 71 per cento dei detenuti è di nazionalità straniera; se non si conteggiano i prevenuti in attesa di estradizione o di espulsione la percentuale si abbassa al 65 per cento. In questi ultimi anni, la suddivisione delle persone incarcerate tra le diverse forme di detenzione è rimasta pressoché invariata.
 
     
  BERNA - Dal 2002 i carceri svizzeri registrano un forte aumento dei detenuti, raggiungendo al 7 settembre 2005 in media il 93 per cento della loro capienza massima. Dall’inizio del decennio, il peso relativo delle diverse forme di detenzione è rimasto stabile. Il giorno della rilevazione, un terzo delle persone in detenzione preventiva e oltre la metà dei prevenuti non disponevano di un permesso di dimora sul territorio svizzero o avevano uno statuto di dimora precario. Nel periodo 2002-2004, il numero annuale di nuove incarcerazioni in attesa di estradizione o espulsione è rimasto stabile mentre la durata media di permanenza in stabilimenti penali tende ad aumentare.

Stando ai risultati di un'indagine realizzata dall’Ufficio federale di statistica (UST) su 122 carceri di competenza dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia, è emerso che nel 2001 e nel 2002, le persone incarcerate erano quasi 5000. Da allora, si è assistito a un incremento importate, che, nelle indagini del 2004 e 2005, ha fatto raggiungere alla popolazione carceraria le circa 6000 unità. La progressione più consistente è stata osservata nel 2004 (+15%).

Carceri svizzere piene

Con una capacità di 6540 posti per 6111 persone incarcerate, il tasso di occupazione medio delle carceri svizzere il 7 settembre 2005 era del 93 per cento. Considerando i diversi tipi di detenzione, la percentuale era superiore alla media negli stabilimenti per l'esecuzione di misure, nelle carceri e negli stabilimenti chiusi, mentre risultava inferiore negli stabilimenti aperti e semiaperti, nelle case d'educazione al lavoro e nei centri per l’esecuzione di misure coercitive. In una quarantina di stabilimenti, il tasso di occupazione è stato raggiunto o superato; nove di essi erano sovraffolati
del 20 per cento o più. Nel corso degli ultimi due anni, il tasso di persone incarcerate ogni 100'000 abitanti è aumentato del 12 per cento. Con 83 detenuti su 100'000 la Svizzera si situa al di sotto della media europea (97 su 100'000).
 
     
   
  > Commenta questo articolo  
> Aggiungi una traduzione a questo articolo
> Scarica l'articolo in formato .PDF
> Invia questo articolo per email
  carceri 2006-02-21 16:02  
Sono da abolire. Senza alcun dubbio le prigioni non servono per gli scopi ufficialmente prefissati, che nella realtà significano solo tortura. E lo Stato come risposta ha unicamente la repressione.
Certamente la società deve rispondere ed affrontare determinati crimini, ma sicuramente si possono trovare altre valide alternative di espiazione, e non lasciare marcire un condannato.

In Ch quasi una metà o forse più dei detenuti sono in carcere sia per motivi legati alla droga, sia perché stranieri senza permessi, sia in attesa di una decisione di statuto di rifugiati, sia dei NEM. Qui e - maggiormente - si potrebbero trovare delle immediate alternative, e subito. Non Credete?
giampi
  qui e' peggio 2006-03-10 04:42  
Il carcere e' una tortura assurda e inutile ed e' ovunque orribile quindi anche in Ch pero' si puo' dire che in alcuni Paesi e' infinitamente peggio che in altri. Qui in Italia ad esempio abbiamo carceri che sono fogne e sono sicura che in Ch siano per lo meno un po' migliori
carla