[Bolivia] Conferenza Mondiale dei Popoli sul Cambio Climatico  
Feature Categoria anticapitalismo / antiglobalizzazione - ecologia - :  
  24-04-2010 21:40  
  Orizzonte piano A Cochabamba (Bolivia) dal 19 al 22 aprile decine di migliaia di persone si sono riunite per la prima Conferenza Mondiale dei Popoli su Cambiamento Climatico e Diritti della Madre Terra (CMPCC). Annunciata dal governo boliviano a una settimana dalla repressione e dal fallimento del vertice ONU sul clima di Copenhagen, proponeva il coinvolgimento della societa' civile allo scopo di analizzare seriamente il fenomeno del cambiamento climatico in relazione alla societa': cause strutturali, flussi migratori, popoli indigeni, trasferimento di tecnologie, debito ecologico, ecc.

L'evento si e' svolto con conferenze, eventi autogestiti e diciassette gruppi di lavoro, i cui documenti finali sono stati riassunti nel cosidetto Accordo dei Popoli che sara' presentato al COP16 che si terra' a Cancun, Messico.
A un diciottesimo gruppo di lavoro e' stata rifiutata la partecipazione alla conferenza, in quanto trattava di problemi ambientali e umani in relazione a progetti minerari attualmente in corso in Bolivia. Analogamente alle critiche emerse durante la 3a Fiera Internazionale dell'Acqua, anche questo gruppo ha stilato un documento finale molto severo verso certe politiche dello Stato boliviano.


::Approfondimenti::
Lettera aperta della CJA | Indymedia Argentina | Resoconto indyano | Globalproject | Turbolence | Video di Democracy Now | America Latina en movimiento

::Rassegna stampa::
Il Manifesto | The Guardian | Los Tiempos
 
  [ Continua... ]  
Copenhagen non sarà come vorrebbero  
Feature Categoria anticapitalismo / antiglobalizzazione - ecologia - :  
  09-12-2009 17:00  
  - Dal 7 al 18 dicembre 2009 a Copenhagen (Danimarca) si terrà la più grande conferenza sul clima mai tenuta. L'evento sta venendo pubblicizzato come l'ultima, ma anche la miglior occasione per fare qualcosa per il cambiamento climatico. Ma lo scorso decennio di trattative fra le rappresentanze degli Stati non ha portanto a nessun accordo e nel frattempo il consumo di combustibili fossili continua ad aumentare, permettendo alle multinazionali energetiche di lucrare immensi profitti a costi elevatissimi per la natura e per l'umanità intera. Gli esiti della conferenza preparatoria di Barcellona e della riunione dei ministri delle finanze del G20 non possono che disilludere chi ancora crede nelle buone intenzioni delle élites che detengono il potere.

Abitiamo un pianeta finito, nel quale ogni crescita infinita, neppure se ecologicamente sostenibile, è impossibile. Non possiamo più affidare la nostra speranza nel mercato e neppure credere che i nostro destino possa cambiare con improbabili nuove tecnologie. Invece di ostinarci a correggere un sistema di per sé distruttivo dovremmo piuttosto costruirne uno nuovo che risolvi con giustizia la crisi climatica, distribuendo la produzione alimentare, riducendo il sovraconsumo dei paesi del Nord, riconoscendo il debito ecologico che dobbiamo alle persone che vivono nei paesi poveri.

Dieci anni fa, in occasione delle proteste contro il WTO di Seattle, nacque un movimento che affermava che un altro mondo era possibile. Oggi questo mondo non è possibile, è necessario. Individui provenienti da esperienze, realtà e movimenti diversi stanno scoprendo che le loro idee, seppur in apparenza diverse, sono terreno fertile per la lotta per il clima. A Copengagen i movimenti di azione climatica hanno organizzato una serie di proteste. Il 12 dicembre, giornata mondiale per il clima, è stata indetta una giornata di mobilitazione mondiale e le contestazioni culmineranno nell'azione del 16 dicembre, giorno in cui sono previste le trattative fra i livelli più alti del potere: un corteo si dirigerà verso l'edificio destinato alle trattative ufficiali, il quale verrà occupato con un'azione non-violenta per essere destinato ad un'assemblea in cui si discuterà fra pari e si cercherà di trovare soluzioni reali.

::Informazioni pratiche::
Mappa con i punti di convergenza | Informazioni su viaggio ed alloggio | Calendario delle proteste | wiki di coordinamento | mailing list di coordinamento | altri link di riferimento | Info trasferta da Milano e da Ginevra

::Aggiornamenti::
[3.10] Fallisce tentativo di screditare il cambiamento climatico
[2.10] Cop15 - Cambio di sistema, non di clima

::Approfondimenti::
[EN] Climate IMC | Indymedia Denmark | Climate Justice Action | Carbon Equity
[IT] Global project | Versus-COP15
 
  [ Continua... ]  
Ginevra - tuttora contro il WTO  
Feature Categoria anticapitalismo / antiglobalizzazione - ecologia - repressione - :  
  21-11-2009 11:54  
  Anti-WTO A undici anni dalle prime contestazioni di Ginevra 1998 e a dieci anni dalla gigantesca protesta di Seattle 1999, dove nacque anche Indymedia, la settima conferenza dei ministri del WTO (organizzazione mondiale del commercio) si terrà dal 30 novembre al 2 dicembre ancora a Ginevra.

Le commissioni di questo organo si riuniscono a porte chiuse, e i dubbi iniziano a sorgere. L'organizzazione è conosciuta per favorire gli interessi delle maggiori istituzioni bancarie e imprese multinazionali, principali fruitrici della politica che vi viene adottata; sono considerate illegittime alcune norme che limitano o vietano il commercio di alimenti contenenti sostanze tossiche; inoltre il lavoro minorile non rappresenta una preoccupazione. Lo sviluppo dei commerci viene infatti anteposto a questioni di carattere sociale o ambientale. I paesi in via di sviluppo vengono fortemente penalizzati, siccome essi non possono contare su una rappresentanza forte all'interno dell'organizzazione; ad esempio sono stati stretti accordi con multinazionali per evitare la produzione a basso costo di farmaci salvavita, inoltre dietro richiesta di Dole e Chiquita il WTO ha imposto all'UE di revocare una normativa che riservava una bassa percentuale delle importazioni di banane a piccole aziende dei paesi più poveri.

Quest'organizzazione è quindi simbolo dell'ipocrisia democratica, in quanto concentra il potere in poche, ricche mani, a discapito di chi avrebbe bisogno e dimentica di considerare la sostenibilità. La situazione del movimento no-global è senza dubbio cambiata, ma oggi quanto allora c'è bisogno di una fortissima mobilitazione. I segni della repressione sono aumentati sempre più dal 1999 culminando con la mattanza genovese nel 2001, a dimostrazione che chi non accetta di essere complice silenzioso suscita paura.

Nel frattempo i segni nefasti delle politiche neoliberiste che queste organizzazioni stanno portando avanti sono sempre più evidenti e la disparità tra zone diverse del pianeta non accenna a diminuire. La conferenza dei ministri di dicembre prossimo ha come scopo la conclusione del ciclo di Doha, una serie di negoziazioni dalla durata di tre anni che mira alla liberalizzazione del commercio internazionale, che dovrebbe chiudersi a fine 2010. La maggior parte degli accordi riguarda l'agricoltura e le derrate alimentari. Ufficialmente si vorrebbe ridurre "gli ostacoli" al libero scambio, "aiutando" i produttori, gli esportatori e gli importatori nelle loro attività...

Proprio per questo varie realtà antagoniste invitano a venire a Ginevra per partecipare alle proteste contro la riunione dei ministri WTO, simbolo della globalizzazione, che inizieranno con il grande corteo di sabato 28 novembre con concentramento alla Place Neuve alle 14.00 e termineranno mercoledì 2 dicembre. Il programma prevede diverse manifestazioni, che oltre che nelle strade si terranno anche all'Usine, all'Ilôt 13 e alla Salle Communale de Plainpalais.

::Aggiornamenti::
[30.11] [Ginevra] Le strade ci appartengono
[28.11] [Ginevra] Repressa anche la festa pacifista post-corteo
[28.11] [Ginevra] Breve video manifestazione
[28.11] [Ginevra] Prime foto della manifestazione
[28.11] [Ginevra] Lacrimogeni e cariche da agenzie
[28.11] [Ginevra] Cariche al corteo anti-WTO
[23.11] Intervista ad un compagno di Action Autonome

::Informazioni pratiche::
Programma e mappe | Info AntiRep (pdf) | I vostri diritti con la polizia (pdf)

::Approfondimenti::
anti-wto.ch | giornale anti-WTO | anti-omc2009.org | revolutionnaire.ch | never trust a cop | climatecaravan
 
  français (Versione originale) | deutsch | italiano [ Continua... ]  
Per la difesa della terra e del territorio  
Feature Categoria anticapitalismo / antiglobalizzazione - ecologia - :  
  24-08-2009 21:30  
  vapore acqueo? Negli ultimi mesi la pianificazione del territorio ticinese è stata al centro dell'attenzione massmediatica.
Come purtroppo spesso accade al termine di questi dibattiti, a prevalere sono sempre le opportunità economiche e politiche delle varie lobby, a discapito dell'ambiente e degli interessi della comunità che vive sul territorio.
Il discusso inceneritore di Giubiasco, non senza problemi, negli scorsi giorni è entrato in funzione. Un ecomostro e il sistema che lo genera che, senza alcun riguardo per un'adeguata e civile separazione dei rifiuti, rilascerà nell'aria i veleni della spazzatura portando la qualità dell'aria già pessima ad un livello inaccettabile per la salute.
A Bellinzona invece è accesa la discussione per la costruzione di uno stadio da 12'000 persone con annessi vari centri commerciali. Un progetto megalomane, in una delle ultime zone verdi della città, che sembra più il frutto di speculazioni economiche e di propaganda politica da parte delle autorità cittadine piuttosto che il risultato di un'ocultata e sostenibile pianificazione del territorio.
L'incerenitore e la "Bellarena", rappresentano solo gli esempi più attuali di un'evidente mancanza di progettualità e di sensibilità verso le problematiche legate al territorio. Sono infatti molti i progetti che, pur non riscuotendo la stessa atttenzione massmediatica, rischiano di mettere seriamente in pericolo l'ambiente e al vivibilità del territorio ticinese:
  • La costruzione del Palace a Lugano;
  • La galleria che collegherà la piana del Vedeggio con la valle del Cassarate;
  • La superstrada Mendrisio-Varese;
  • La posa delle antenne per la telefonia mobile in vari luoghi del Ticino.
Grazie alla mobilitazione popolare, altri progetti simili sono invece stati bloccati:
  • La Variante 95 che voleva tagliare in due il Piano di Magadino
  • La costruzione dello stand di tiro sul Monte Ceneri che avrebbe aperto le porte a redditizie speculazioni sui territori su cui oggi sorgono gli stand regionali

::Approfondimenti::
FTR Lotte diffuse per territori vivibili | FTR In pericolo il diritto di ricorso delle associazioni ecologiste | EZLN: Di fronte all’Esproprio Capitalista, la difesa della terra e del territorio

::Altre feature correlate::
Contro la chiusura della stazione FFS di Airolo | Rivestimento del Conza: l'ennesima Bottanata | Ancora nucleare in Svizzera? | Dalla Campania al Ticino, storie di 'monnezza
 
  [ Continua... ]  
Contro la chiusura della stazione FFS di Airolo  
Feature Categoria anticapitalismo / antiglobalizzazione - ecologia - :  
  19-12-2008 23:36  
  Stazione Quando si tratta di chiudere le disastrate stazione scistiche ticinesi, che deturpano la montagna e arricchiscono gli imprenditori locali, si smuovono soldi pubblici e cori di indignazione.

Le stazioni ferroviarie, ben più fondamentali per il tessuto sociale e per chi sceglie spostamenti ecosostenibili, quando vengono chiuse, non sollevano grandi opposizioni.

Lo sportello FFS di Airolo, l'ultimo sopravvissuto sull'intera linea che percorre la val Leventina, dovrebbe chiudere il 31 dicembre 2008. Verrebbe automatizzato e radicalmente depotenziato.
Contro questa decisione sono state raccolte oltre 4'000 firme a sostegno di una petizione indirizzata al consigliere federale socialista Moritz Leuenberger.

Approfondimenti
- Lotte diffuse per territori vivibili
 
  [ Continua... ]  
In pericolo il diritto di ricorso delle associazioni ecologiste  
Feature Categoria anticapitalismo / antiglobalizzazione - ecologia - :  
  28-10-2008 08:57  
  In occasione degli europei di calcio era stato progettata una megalomane ristrutturazione dello stadio Hardturm di Zurigo, con costruzione di un annesso centro commerciale. Gli abitanti del quartiere preoccupati per l'impatto sulla qualità ambientale della zona, in collaborazione con le associazioni ecologiste fecero ricorso, appellandosi al "diritto di ricorso delle associazioni". I liberali zurighesi, scocciati da questa intrusione nel mondo dell'economia degli interessi pubblici, hanno deciso di cancellare questa possibilità. Su questo tema si voterà il prossimo 30 novembre.

Questa forma legale esiste dal 1966 e si basa sull'idea che la natura, non potendo proteggersi da sola, necessità di strumenti legislativi che permettano di difenderla. Una trentina di associazioni ecologiste possono, a determinate condizioni, presentare ricorso contro la pianificazione, la costruzione o la trasformazione di impianti e contro la messa in commercio di organismi. Negli ultimi anni questo strumento ha permesso di bloccare numerosi progetti scriteriati, fra il 1996 e il 2003 il Tribunale federale ha accolto interamente o almeno in parte il 63% dei ricorsi inoltrati dalle associazioni ambientaliste.

È per esempio grazie a questo diritto di ricorso che è stato possibile fermare le attività di estrazione dei "Silos Ferrari" nella zona protetta delle bolle di Magadino, ed è sempre grazie a questo diritto che si sta cercando di ostacolare la costruzione di nuove centrali nucleari.
 
  [ Continua... ]  
Ancora nucleare in Svizzera?  
Feature Categoria anticapitalismo / antiglobalizzazione - ecologia - guerra - :  
  13-07-2008 14:46  
  nuck Vista la bocciatura popolare della moratoria proposta nel 2003, e il parere positivo del WEF, il 9 giugno scorso l'ATEL ha presentato la richiesta di autorizzazione per una nuova centrale nucleare da costruirsi a Niedergösgen nel canton Soletta.
Si tratterebbe della sesta centrale presente sul territorio elvetico, la richiesta è motivata dal continuo aumento dei consumi e dall'avvicinarsi della fine del ciclo produttivo delle centrali già presenti.

I principali punti critici della questione sono legati ai pericoli di incidenti e all'aumentata incidenza di malattie nella popolazione. Già oggi nel canton Soletta, dove si trova centrale di Gösgen, si riscontra un'inspiegabile frequenza di casi di leucemia.
Altro punto critico riguarda lo stoccaggio delle scorie, radioattive per centinaia di anni a cui non si è ancora riusciti a trovare una sede sicuro e definitiva.

Valide alternative all'energia nucleare sono tutt'ora presenti. Si tratta di una scelta politica, ma anche personale applicando quotidianamente la decrescita.

Si moltiplicano le opposizioni al nucleare nel canton Berna
 
  [ Continua... ]  
Lotte diffuse per territori vivibili  
Feature Categoria anticapitalismo / antiglobalizzazione - ecologia - :  
  02-06-2008 19:59  
  elettrosmog Nel nostro cantone, sempre più spesso, gruppi di cittadini si mobilitano, organizzandosi dal basso per opporsi alle poco oculate scelte in campo ambientale dei governanti.
Lotte molto diverse che hanno però in comune il desiderio di intendere la gestione del territorio e dell'ambiente che ci circonda in maniera più dolce e vicina alle esigenze dell'essere umano e non, ce lo auguriamo, semplici sintomi della sindrome NIMBY.

Grande eco mediatico hanno avuto le resistenze popolari nei confronti del sovradimensionato stand di tiro sul Monte Ceneri (che aprirebbe le porte a redditizie speculazioni su cui sorgono oggi gli stand regionali), la grande opposizione che ha fermato la deleteria "Variante 95" che avrebbe tagliato a metà il piano di Magadino e l'infruttuoso tentativo di evitare la costruzione di un gigantesco ed inquinante inceneritore per i rifiuti a Giubiasco.

Ma sono parecchie le lotte di dimensione minore che sono in corso.
Dalla Capriasca sono state raccolte oltre 1'500 firme proponendo una moratoria sulla costruzione di antenne di telefonia mobile. L'elettrosmog preoccupa anche i cittadini di Bellinzona, di Melide di Novazzano e di Novaggio che, in maniera diversa si sono mobilitati contro questa nuova fonte di inquinamento su cui ancora si sa poco.

Nei paesi attorno a Sonvico-Dino, si è costituita nelle scorse settimane l'associazione "Territori vivibili" che vuole contrastare la posa di una nuova antenna UMST che irradierebbe tutti i comuni circostanti (vedi mappa). Ne è nata una vera e propria battaglia con Swisscom e Orange. Anche in questo caso oltre 1500 firme sono state raccolte.

> Mappa delle antenne in Ticino

Gli abitanti della Val Onsernone (storica valle popolata da neorurali) si stanno ribellando alla costruzione di una diga, su territorio italiano, che prosciugherebbe le acque del torrente Isorno. Le acque del Ceresio sono invece solcate da Pirati che navigano e praticano arrembaggi per rivendicare l'accesso alle rive sempre più spesso occupate da scempi edilizi.
Nel mendrisiotto si è creato il "comitato contro la superstrada" per evitare la costruzione di un nastro d'asfalto a scorrimento veloce che collegherebbe, con danni evidenti, Mendrisio e Varese.

Per tutte le persone in lotta per dei territori vivibili nel nostro cantone, non possono che suonare familiari le parole dell'EZLN da una presa di posizione (2) dello scorso anno: "La terra ed il territorio non sono solo fonti di lavoro e di alimenti, sono pure cultura, comunità, storia, origine, sogni, futuro, vita e madre."
 
  [ Continua... ]  
Dalla Campania al Ticino, storie di 'monnezza  
Feature Categoria anticapitalismo / antiglobalizzazione - ecologia - :  
  14-01-2008 21:57  
  recicla La situazione d'emergenza che sta vivendo Napoli e tutta la regione Campania ha fatto riaccendere, pure in Ticino, la discussione attorno allo smaltimento dei rifiuti.
La prossima apertura del controverso inceneritore di Giubiasco e la possibilità che la 'monnezza prodotta all'estero possa essere scaricata nel nuovo impianto, sta assumendo i toni del famoso nimby (non nel mio giardino).
Le rassicurazioni in questo ambito del Direttore dell'Azienda Cantonale dei Rifiuti Claudio Broggini sono state immediatamente smentite [1 e 2], facendo così riaffiorare lo spettro che il nuovo impianto di Giubiasco possa diventare un grande magnete per l'immondizia estera. Prospettiva tutt'altro che remota visto il largo sovradimensionamento del termovalorizzatore.

Il discorso legato ai rifiuti è però molto più profondo e si collega da una parte ai meccanismi di produzione, sviluppo sostenibile e politica ambientale, dall'altra alla lotta contro la costruzione di grandi impianti di smaltimento che avvantaggiano solo imprenditori e politici, danneggiando irrimediabilmente l'ambiente e i residenti locali.
La costruzione di nuovi impianti non è infatti una soluzione sostenibile per risolvere la problematica dell'emergenza rifiuti. La soluzione va invece ricercata nello sviluppo di un progetto a lungo termine che parta da una decrescita dei consumi e che continui con l'incentivazione della raccolta differenziata.

 
  [ Continua... ]  
Da Heiligendamm al WEF verso Monaco  
Feature Categoria ecologia - WEF - :  
  09-01-2008 23:21  
  format A3 Migliaia di poliziotti e 6500 militari si stanno preparando per proteggere i cosiddetti "Global leader" (rappresentanti del mondo economico- industriale e capi di governo) che anche quest'anno si incontreranno a Davos per il World Economic Forum per discutere e decidere sulle sorti del pianeta.

Il tema dell'anno scorso - la povertà nel mondo - è già stato superato e quest'anno tocca al clima. Questa problematica è già stata trattata durante il G8 di quest'estate in Germania, dov'è emersa la necessità di ridurre del 50% le emissioni di CO2 entro il 2050. A questo proposito Tony Blair ha recentemente dichiarato: "la verità è che nessun Paese, per quanto riguarda i problemi ambientali a lungo termine, sta riducendo la sua crescita o i propri consumi".
La questione in gioco è la crescita economica delle industrie, ovvero la base stessa dell'economia capitalista. Non c'è dunque da aspettarsi nulla di buono. I risultati del Summit di Bali ne sono testimonianza: "La riduzione dei gas che provocano l'effetto serra dal 25 al 40% non è stata resa obbligatoria".

 
  deutsch (Versione originale) | italiano [ Continua... ]  
Diventa media!
>> Archivio thematique <<
Image torino comunicato per il 12 invito per il 17 dicembre
10-12-2014 22:12 - torinoecintura
Image resoconto assemblea popolare notav a bussoleno
27-11-2014 18:40 - notav
Image comunicato torino squatter
22-11-2014 10:12 - torino squatter
Text sabato partiremo da piazza 18 dicembre
20-11-2014 21:14 - notav
Image maurizio lupi a bardonecchia: i notav ci saranno
16-11-2014 19:36 - notav
Image dopo l’aula bunker tutti a chiomonte!!!
11-11-2014 22:50 - notav
Image noterzo valico appello mobilitazione 19 novembre
03-11-2014 21:24 - noterzovalico notav
1 commento
Text Milano, 7 novembre: presidi contro la vivisezione
03-11-2014 11:39 - senza ritorno
Image quei giorni e quelle notti c’eravamo tutti
30-10-2014 13:20 - coordinamento comitati notav
Text merc 22/10: colazione notav a chiomonte
21-10-2014 21:59 - notav
Text noterzovalico basso piemonte dopo l'alluvione gli espropri
18-10-2014 00:18 - noterzovalico
Image ecco le richieste del pm al maxiprocesso notav
07-10-2014 18:18 - notav
Text i 4 notav hanno rinunciato al riesame
06-10-2014 18:16 - libertaà
Image Clarea 14/5/2013 Quella notte c’eravamo tutti
05-10-2014 18:38 - notav
Text “Ispezione” No Tav al Tribunale di Torino
01-10-2014 15:31 - solidali
Image resoconto giornata notav Maurienne
30-09-2014 20:17 - notav
Image maxiprocesso notav dichiarazioni scritte e audio
28-09-2014 08:40 - notav
Image testi scritti imputati notav processo compressore
25-09-2014 18:49 - notav
Text notav - processo compressore - c'ero quella notte
24-09-2014 18:39 - notav
Image maxiprocesso notav - dichiarazione di thomas lussi
23-09-2014 18:46 - notav
Image torino sull'iniziativa davanti alla nuva sede ltf
19-09-2014 12:26 - notav ovunque!
Image bus per milano corteo no expo
18-09-2014 23:11 - notav
Image maxiprocesso notav torino udienza sarà brevissima
15-09-2014 17:39 - notav
Image Contrastare la totalità del dominio
13-09-2014 13:46 - A
Text sbirro bastardo - il tormentone dell'estate notav 2014
06-09-2014 23:48 - polizia e carabinieri assassini
Image Presenza in aula bunker + pranzo davanti a ltf + assemblea
06-09-2014 21:37 - notav
Text Tre giornate su liberazione animale e della terra a Milano
04-09-2014 09:39 - x
Image report dal presidio di chiomonte
26-07-2014 23:26 - notav
1 commento
Image corte di cassazione per Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò
09-07-2014 18:33 - notav
Image Per un’estate di lotta notav
06-07-2014 19:47 - notav
>> Archivio thematique <<